Ma sempre ci sarà un buco nel muro dell' inverno per rivedere l'estate più bella...

e senza che nessuno li chiami i ricordi felici vengono a dir presente,

a riprendere posto accanto al fuoco vivo.

mercoledì 21 aprile 2010

Un nuovo lavoro...

...insomma, pensavo di non riuscire così presto a riprendere il filo conduttore che mi fa esprimere artisticamente...ed invece e con immensa sorpresa e felicità, qualcosa che è entrata nella mia vita inaspettatamente, mi ispira ad altissimi livelli, ed io non posso che lasciarmi "letteralmente rapire" da queste sensazioni ed emozioni ed esprimerle alla mia maniera,come naturalmente in me succede...
questa opera in esecuzione che vi presento oggi, fa parte di uno studio che ho cominciato a gennaio di questo stesso anno, dopo aver provato differenti tecniche esecutive, adesso sembra aver trovato la sua strada, sembra che stia venendo fuori..





come prima cosa va preparato il piano...facendo aderire tutti i pezzettini di argilla in modo uniforme e senza bolle o spazi vuoti che farebbero "spezzare" il manufatto durante la cottura e comunque ne comprometterebbero la resistenza.



dopo aver compresso per bene la materia (questa è la parte più stancante, poichè l'argilla va "martellata" con molta energia per compattarla),
si passa alla fase di lisciatura e livellatura, con spatola, e rifilatura dei bordi.



la fase successiva è l'accarezzatura,(così la chiamo io), perchè permette di sentire sotto le mani la materia, e mi piace trasmetterle le mie sensazioni, immaginate di accarezzare qualcuno a cui volete molto bene, questa è la sensazione, il modellato è in assoluto la forma espressiva che preferisco, perchè dà la possibilità del contatto diretto della pelle con l'opera, a differenza della pittura e del disegno che richiedono necessariamente l'ausilio di "attrezzi" come pennelli o matite ecc,anche nel modellato si usano stecchette e mirette, ma per me esiste una alchimia maggiore che nelle altre discipline non trovo, è più soddisfacente.





questo è il piano liscio e levigato, adesso comincia il "vero" lavoro...



il disegno del soggetto, lo vedete sia sul monitor del pc che sul piano di argilla...



per il momento sono arrivata qui, devo aspettare un paio di giorni
necessariamente affinchè l'argilla si indurisca un pò asciugandosi in
modo da poter approntare le modifiche finali, cosa impossibile quando è molto malleabile, poi si lascia essiccare del tutto, diventerà di un grigio chiarissimo, quasi bianco, e si farà cuocere, dopo passerò alla fase decorativa e sarà terminata definitivamente, quindi,tornerà ad essere protagonista, notte a tutti e grazie di cuore per l'interesse che mi donate seguendo questo blog, ciao, Teresa.

Nessun commento:

Posta un commento