Ma sempre ci sarà un buco nel muro dell' inverno per rivedere l'estate più bella...

e senza che nessuno li chiami i ricordi felici vengono a dir presente,

a riprendere posto accanto al fuoco vivo.

lunedì 28 marzo 2011

Senza titolo e parole lasciando spazio alla musica



Stasera, che sera
Restare tutto il tempo con te
Di notte l'amore l'amore
È sempre una sorpresa per me
Poi respirare il profumo del mare
Mentre dal vento tu ti lasci cullare
Fare il signore o il mendicante
Non scordarsi mai però di essere anche amante
Stasera, che sera
Restare tutto il tempo con te
Di notte l'amore l'amore
È sempre una sorpresa per me
Stringere il sole, nelle mie mani
Togliergli i raggi come ad un'albero i rami
Per circondare il tuo viso in calore
Non per fare un petalo intorno al suo fiore

Stasera, che sera
Restare tutto il tempo con te
Di notte l'amore l'amore
È sempre una sorpresa per me
Spegnere il germe del nostro gioco
Sazi d'amore ma contenti di poco
Chiedere all'aria i suoi tesori
E così nel chiuso puoi sentirti sempre fuori
Stasera, che sera
Di notte l'amore l'amore

Fare il conteggio dei giorni passati
Sapere adesso che non sono sciupati
E che tu sei sempre viva e presente
Ora come allora tu sei gia nella mia mente

Stasera, che sera
Restare tutto il tempo con te
Di notte l'amore l'amore
È sempre una sorpresa per me
Stasera, che sera
Restare tutto il tempo con te
Di notte l'amore l'amore
È sempre una sorpresa per me
Stasera, che sera
Restare tutto il tempo con te
Di notte l'amore l'amore
È sempre una sorpresa per me





LETAMI

Come letami nel borgo aspetti in un ritorno che porta lontano
e piano poi t'aspetterò.
No, non toccarmi le mani rimani lì a guardare appeso tra i rami
e non mi dire mai di no,
e non mi dire no,
non dire mai di no,
e se ti aspetterò..

Sono notti che non dormo e forte grido,
grido anche da fuori
mentre tutto scorre lento e più lento tornerà,
giro, appoggiato ai muri
peggio di un tormento fermo che piano salirà,
fino quà..

Fai arrossire il tuo viso aspetta che domani dal freddo asce il sole
donandogli calore, tu,
fermati solo un istante ad ascoltare il vento del mare che sale
e non mi dire mai di no,
e non mi dire no,
non dire, già lo so,
e se ti aspetterò..

Sono notti che nascosto e forte grido,
grido anche da fuori
anche se fa male il tempo che lento scivola,
giro, appoggiato ai muri
sento il cigolare fermo che piano se ne va, se ne va..

Sono notti che non dormo e forte grido,
grido anche da fuori
mentre tutto scorre lento e più lento tornerà,
giro, appoggiato ai muri
peggio di un tormento fermo che piano salirà,
fino quà.

venerdì 18 marzo 2011

A TEMPO DI BOLERO





Andando,

andavo lungo una strada che mi faceva male.

Il sole bruciava l'anima,

la luce accecava i sensi,

il vento stordiva i pensieri.

Camminavo,

camminando mi sentivo sola.

Le pietre sotto i piedi pungevano

la pelle sanguinava e doleva,

ma il dolore che sentivo dentro

era più forte di tutto il resto.

Bussai a più porte

ma le abitazioni echeggiavano di vuoto,

non rispondeva nessuno,

chiamai a gran voce

e le parole si persero nel tempo,

nell'aria,

nell'infinito che mi circondava.

Aspettando,

attendevo un ritorno,

il ritorno delle emozioni e sensazioni

che vivificano la vita

e che un giorno persi.

Licenza Creative Commons
A tempo di Bolero by Teresa Lupo is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

martedì 15 marzo 2011

Canta il Gallo...chicchiricchicchiii!

il gallo... tra disegni e sculture.

Torna primavera, l'aria si riscalda, il tepore rallegra gli animi, inizia il tempo dell'amoreggiare per gli animali e per gli uomini, come cantava Battisti: i giardini di marzo si vestono di nuovi colori e le giovani donne in quei mesi vivono nuovi amori...

sarà che sono una nostalgica/romantica e questo è il periodo dell'anno migliore per me, il periodo in cui VIVO, sogno, amo...


Dunque cosa succede? è la stagione degli amori e quindi il gallo canta ed io ho deciso di dedicare al gallo le mie attenzioni, lavori in corso, progetti e idee in opera, ma ecco a voi le primizie, graditi i commenti..e seguitemi per vedere il procedere dei lavori, ciao e buona creatività a tutti.

vi svelo un segreto...non fa chicchirichì, però fischia!



I Giardini di marzo è una delle mie canzoni preferite, la dedico a chi vorrà ascoltarla, Teresa.




Licenza Creative Commons
Canta il gallo by Teresa Lupo is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.